Print this article
- 10/06/2021

Aspettative “grigie“ – una ricerca sui topi dettaglia i meccanismi molecolari che collegano lo stress e i capelli grigi

Beauty Horizons IT

Quando Maria Antonietta fu catturata durante la rivoluzione francese, si dice che i suoi capelli divennero bianchi durante la notte. Nella storia più recente, l’ex senatore degli Stati Uniti John McCain ha subito gravi ferite come prigioniero durante la guerra del Vietnam e ha perso il colore dei suoi capelli.

Per molto tempo, gli aneddoti hanno collegato esperienze stressanti con l’ingrigimento dei capelli. Ora, per la prima volta, gli scienziati dell’Università di Harvard hanno scoperto esattamente come si svolge il processo. Il lavoro, pubblicato su Nature, dettaglia i meccanismi molecolari dietro l’annoso puzzle biologico. “Ognuno ha un aneddoto da condividere su come lo stress colpisce il proprio corpo, in particolare la pelle e i capelli, gli unici tessuti che possiamo vedere dall’esterno”, ha detto l’autore senior Ya-Chieh Hsu, l’Alvin and Esta Star Associate Professor of Stem Cell and Regenerative Biology ad Harvard. “Volevamo capire se questa connessione è vera, e se è così, come lo stress porta a cambiamenti in diversi tessuti. La pigmentazione dei capelli è un sistema così accessibile e trattabile per iniziare, e inoltre, eravamo davvero curiosi di vedere se lo stress porta davvero all’ingrigimento dei capelli”.

Individuare il colpevole Poiché lo stress influisce su tutto il corpo, i ricercatori hanno dovuto prima restringere quale sistema corporeo era responsabile di collegare lo stress al colore dei capelli. Il team ha prima ipotizzato che lo stress provoca un attacco immunitario sulle cellule che producono i pigmenti. Tuttavia, quando i topi privi di cellule immunitarie hanno mostrato ancora l’ingrigimento dei capelli, i ricercatori si sono rivolti all’ormone cortisolo. Ancora una volta, era un vicolo cieco. “Lo stress eleva sempre i livelli dell’ormone cortisolo nel corpo, quindi abbiamo pensato che il cortisolo potrebbe avere un ruolo”, ha detto Hsu. “Ma sorprendentemente, quando abbiamo rimosso la ghiandola surrenale dai topi in modo che non potessero produrre ormoni simili al cortisolo, i loro capelli diventavano ancora grigi sotto stress”.  Dopo aver sistematicamente eliminato diverse possibilità, i ricercatori si sono concentrati sul sistema nervoso simpatico. I nervi simpatici si diramano in ogni follicolo pilifero della pelle. I ricercatori hanno scoperto che lo stress fa sì che questi nervi rilascino la norepinefrina, che viene assorbita dalle vicine cellule staminali che rigenerano i pigmenti. 

Danno permanente Nel follicolo pilifero, alcune cellule staminali agiscono come un serbatoio di cellule che producono pigmenti. Quando i capelli si rigenerano, alcune delle cellule staminali si convertono in cellule produttrici di pigmenti che colorano i capelli.  I ricercatori hanno scoperto che la norepinefrina dei nervi simpatici fa sì che le cellule staminali si attivino eccessivamente. Le cellule staminali si convertono tutte in cellule produttrici di pigmento, esaurendo prematuramente la riserva.

“Quando abbiamo iniziato a studiare questo, mi aspettavo che lo stress fosse un male per il corpo, ma l’impatto dannoso dello stress che abbiamo scoperto era oltre quello che immaginavo”, ha detto Hsu. “Dopo pochi giorni, tutte le cellule staminali che rigenerano i pigmenti erano perse. Una volta che sono sparite, non si possono più rigenerare i pigmenti. Il danno è permanente”.

 

La scoperta sottolinea gli effetti collaterali negativi di una risposta evolutiva altrimenti protettiva, hanno detto i ricercatori.

“Lo stress acuto è stato tradizionalmente visto come benefico per la sopravvivenza di un animale. Ma in questo caso, lo stress acuto provoca un impoverimento permanente delle cellule staminali”, ha detto il borsista Bing Zhang, l’autore principale dello studio.

www.harvard.edu