Print this article

Lo spettro della sostenibilità: Dall’impatto ambientale al valore sociale nella bellezza e nella cura della persona

Beauty Horizons IT

Mentre la sostenibilità è più strettamente associata alla riduzione dell’impatto ambientale, il Coronavirus (COVID-19) ha portato su una nuova coscienza di “scopo oltre il profitto”, che è un approccio più olistico che mira a comprendere il valore sociale, ambientale ed economico con la sostenibilità. I principali mercati della bellezza e della cura personale hanno la responsabilità di guidare lo slancio della sostenibilità. La cooperazione e le partnership su larga scala attraverso la catena di fornitura saranno cruciali per normalizzare il comportamento di sostenibilità nell’industria della bellezza e della cura personale.

La sostenibilità più strettamente associata alla riduzione dell’impatto ambientale

La sostenibilità ha tre pilastri: economico, ambientale e sociale. I marchi di bellezza e i rivenditori attingono a questi tre pilastri attraverso un’ampia gamma di caratteristiche sostenibili dei prodotti, come l’essere certificati per il commercio equo e solidale (sostenibilità economica), l’utilizzo di ingredienti di provenienza locale (sostenibilità ambientale), o il sostegno al benessere globale di clienti e dipendenti attraverso il supporto di cause e iniziative specifiche (sostenibilità sociale). Non sorprende che nel complesso la sostenibilità sia vista come una riduzione dell’impatto sull’ambiente. Infatti, gran parte dell’innovazione dell’industria della bellezza si è concentrata su questo obiettivo.

Source: Euromonitor International Voice of the Industry Sustainability Survey, 2020, conducted during June 2020.

L’innovazione nei formati ricaricabili si estende a tutte le categorie di bellezza

Il packaging ricaricabile è una delle innovazioni più dinamiche degli ultimi tempi, che sta guadagnando terreno tra i piccoli operatori indipendenti, quelli di medie dimensioni e le multinazionali CPG. Anche se il packaging ricaricabile non è nuovo, si è evoluto in un’area di crescita e opportunità in tutte le categorie di bellezza, poiché aiuta a ridurre drasticamente i rifiuti di imballaggio. Le innovazioni degne di nota includono le ricariche di rossetto di Charlotte Tilbury per i cosmetici a colori e Victor & Rolf nelle fragranze.

Image source: techniplast.com

I marchi esplorano materiali di imballaggio alternativi per il futuro

Attingere a materiali di imballaggio alternativi è un’altra area chiave di crescita nell’industria della bellezza, a causa del desiderio di cercare alternative alla plastica vergine, i tipi di imballaggio più utilizzati nella bellezza. Mentre i marchi utilizzano sempre più spesso contenuti riciclati post-consumo (PCR), oltre all’uso più ampio di alluminio e vetro riciclabili, alcuni marchi stanno esplorando materiali alternativi come i formati bio e a base vegetale, tra cui canna da zucchero, sughero e bambù. Anche gli imballaggi privi di plastica, come la gamma di polpa stampata di Meiyume, tipicamente utilizzata per le confezioni di paglia o di cartone per uova, e gli imballaggi di cartone di Seed Phytonutrients di L’Oréal, stanno guadagnando terreno.

Source: Euromonitor International

Le alternative al di là delle fonti biologiche o vegetali coinvolgono anche lo sfruttamento dei sottoprodotti di produzione. Per esempio, L’Oréal ha collaborato con LanzaTech e Total per sviluppare un formato di imballaggio fatto di emissioni di carbonio catturate e riciclate, aumentando le possibilità di riutilizzare le emissioni di carbonio industriali. Altre innovazioni che riducono l’impatto sull’ambiente includono il packaging a zero rifiuti, l’upcycling dei rifiuti alimentari, il riutilizzo della plastica presente negli oceani e le formule efficienti e senza acqua. Anche le innovazioni nei monomateriali, come le pompe monomateriali Inifinity di Aptar, hanno contribuito alla riciclabilità del ciclo di vita del packaging di bellezza.

I principali mercati della bellezza dovrebbero guidare la carica

Nonostante le varie innovazioni che affrontano molteplici aspetti della sostenibilità, l’industria della bellezza è sotto pressione per adottare iniziative sostenibili su una scala più ampia e in tempi più brevi. I mercati leader della bellezza e della cura personale hanno la responsabilità di guidare questa carica, dato che la loro impronta ambientale è molto più grande, rispetto ai mercati più piccoli.

Nel 2020, Euromonitor ha chiesto agli intervistati di 40 mercati se si impegnano in una serie di comportamenti sostenibili o etici come parte di un sondaggio sugli stili di vita. Euromonitor ha poi classificato ciascuno dei 40 mercati in base alla più alta percentuale di intervistati che si sono impegnati in ciascun comportamento, con i mercati denotati in verde che si classificano come i più performanti nei comportamenti etici, in giallo come medi e in rosso come i meno performanti. Infine, i risultati dei primi dieci mercati della bellezza e della cura personale sono stati evidenziati per giustapporre il comportamento dei consumatori di attività verdi ai mercati con la maggiore impronta di bellezza e cura personale.

Country Rank of Top Ten Beauty and Personal Care Markets by Green Activities 2020

Source: Euromonitor International Lifestyles Survey, 2020. Note: Rankings organised by highest percentage of respondents out of 40 countries surveyed. Beauty and personal care markets ranked by 2019 market size in RSP USD current-fixed exchange rates in 2019 prices.

I primi tre mercati della bellezza e della cura personale nel 2019 – Stati Uniti (91,2 miliardi di dollari), Cina (71,7 miliardi di dollari) e Giappone (39,6 miliardi di dollari) – rappresentano circa il 4

Ponderare la penetrazione delle attività sostenibili rispetto all’impronta dei rispettivi mercati della bellezza e della cura personale aiuterà a fare luce sui mercati con più “spazio bianco sostenibile” che potrebbero beneficiare dell’innovazione (come Stati Uniti, Cina e Giappone). Sapere dove cercare i migliori esempi di marchi di bellezza che interagiscono con una popolazione dalla mentalità sostenibile (come il Brasile e la Corea del Sud) può anche aiutare a ispirare iniziative di sostenibilità altrove.

Mentre l’attenzione all’ambiente ha guidato finora le iniziative di sostenibilità, COVID-19 ha acquistato una nuova consapevolezza che va ben oltre la semplice compensazione dell’impatto negativo di un’azienda sulle persone e sul pianeta. Un sondaggio Euromonitor Voice of the Industry 2020 sulla sostenibilità ha rilevato che diversi attori della catena di fornitura della bellezza definiscono la sostenibilità in modo diverso, con discrepanze notevoli tra gli attori nel sostenere le comunità locali, sostenere i dipendenti ed essere un’azienda orientata allo scopo. Queste tre sfaccettature giocano nelle componenti di sostenibilità orientate allo scopo, che sono attualmente in fase di rielaborazione nell’industria della bellezza e della cura personale a seguito della crisi umanitaria causata da COVID-19.

Andando avanti, le partnership tra consumatori, marchi, rivenditori e catena di fornitura saranno cruciali per affrontare le sfide della sostenibilità sia nei mercati sviluppati che in quelli emergenti. “Siamo in questa crisi ambientale in parte perché le conversazioni e le decisioni delle aziende avvengono in silos. Per esempio, i designer di imballaggi non parlano con quelli che si occupano del recupero dei materiali“, ha dichiarato Mia Davis, che guida le iniziative di sostenibilità per il rivenditore americano Credo, specializzato in bellezza. Tuttavia, i consumatori informati e consapevoli che chiedono trasparenza metteranno la catena di fornitura della bellezza sotto esame per onorare gli impegni per un futuro più sostenibile ed etico.

https://www.euromonitor.com/article/spectrum-of-sustainability-from-environmental-impact-to-social-purpose-in-beauty-and-personal-care