Print this article
- 10/06/2021

L’USO DI PFAS NEI COSMETICI È “DIFFUSO”, SECONDO UN NUOVO STUDIO

Beauty Horizons IT

Molti cosmetici venduti negli Stati Uniti e in Canada probabilmente contengono alti livelli di sostanze per- e polifluoroalchiliche (PFAS), una classe potenzialmente tossica di sostanze chimiche legate a una serie di gravi condizioni di salute, secondo una nuova ricerca dell’Università di Notre Dame. Gli scienziati hanno testato più di 200 cosmetici tra cui correttori, fondotinta, prodotti per occhi e sopracciglia e vari prodotti per labbra. Secondo lo studio, il 5

“Questi risultati sono particolarmente preoccupanti quando si considera il rischio di esposizione per il consumatore combinato con la dimensione e la scala di un’industria multimiliardaria che fornisce questi prodotti a milioni di consumatori ogni giorno”, ha detto Graham Peaslee, professore di fisica a Notre Dame e ricercatore principale dello studio. “C’è il rischio individuale – questi sono prodotti che vengono applicati intorno agli occhi e alla bocca con il potenziale di assorbimento attraverso la pelle o nel condotto lacrimale, così come la possibile inalazione o ingestione. PFAS è una sostanza chimica persistente – quando entra nel flusso sanguigno, rimane lì e si accumula. C’è anche il rischio aggiuntivo di contaminazione ambientale associato alla produzione e allo smaltimento di questi prodotti, che potrebbe colpire molte più persone”.

Trovati in precedenza in pentole antiaderenti, tessuti trattati, involucri di fast food e, più recentemente, i dispositivi di protezione personale utilizzati dai vigili del fuoco in tutto il paese, i PFAS sono noti come “prodotti chimici per sempre”, perché i composti chimici non si degradano naturalmente – il che significa che finiscono per contaminare le acque sotterranee per decenni dopo il loro rilascio nell’ambiente. L’uso di PFAS nei soppressori di incendio in schiuma è stato collegato a sistemi di acqua potabile contaminati, spingendo il Dipartimento della Difesa a passare ad alternative più sicure per l’ambiente.

Gli studi hanno collegato alcuni PFAS al cancro ai reni, cancro ai testicoli, ipertensione, malattie della tiroide, basso peso alla nascita e immunotossicità nei bambini. Peaslee e il team di ricerca hanno testato i prodotti acquistati nei punti vendita negli Stati Uniti e quelli acquistati online in Canada. Lo studio ha trovato alti livelli di fluoro in rossetti liquidi, mascara impermeabili e prodotti  spesso pubblicizzati come “a lunga durata” e “resistenti all’usura”. Peaslee ha detto che questo non è del tutto sorprendente, dato che i PFAS sono spesso utilizzati per la loro resistenza all’acqua e proprietà filmogene. Ciò che è più preoccupante è che 29 prodotti con alte concentrazioni di fluoro sono stati testati ulteriormente d è stato trovato che contengono tra quattro e 13 PFAS specifici, solo uno di questi articoli testati elencati PFAS come ingrediente sull’etichetta del prodotto.

“Questa è una bandiera rossa”, ha detto Peaslee. “Le nostre misurazioni indicano un uso diffuso di PFAS in questi prodotti – ma è importante notare che la piena portata dell’uso di sostanze chimiche fluorurate nei cosmetici è difficile da stimare a causa della mancanza di requisiti rigorosi di etichettatura in entrambi i paesi.”

Il nuovo metodo di Peaslee per rilevare i PFAS in un’ampia varietà di materiali ha contribuito a ridurre l’uso di “prodotti chimici per sempre” nei prodotti di consumo e industriali. A seguito di uno studio del suo laboratorio nel 2017, le catene di fast food che hanno scoperto che i loro involucri contenevano PFAS,  sono passati a soluzioni alternative. Peaslee continua a ricevere campioni di equipaggiamento per vigili del fuoco dai dipartimenti antincendio di tutto il mondo per testare i PFAS, e la sua ricerca ha stimolato le conversazioni all’interno della comunità dei vigili del fuoco per eliminare l’uso di “prodotti chimici per sempre” in vari articoli di equipaggiamento protettivo personale.

Source: Environmental Science & Technology Letters, 2021; DOI: 10.1021/acs.estlett.1c00240

www.nd.edu