Print this article
- 02/14/2022

A.I.S.E. ANNUAL CLEANING & HYGIENE FORUM

Beauty Horizons IT

All’edizione 2021 del suo annuale Cleaning & Hygiene Forum, A.I.S.E. ha ribadito il suo impegno a contribuire in modo costruttivo all’ambizione del Green Deal della Commissione Europea e in particolare al Piano d’azione per l’economia circolare (CEAP). L’evento annuale, ha riunito circa 250 partecipanti per ascoltare relatori di alto livello della Commissione, della prossima presidenza francese dell’UE, dell’industria e di esperti esterni sul tema “Pulizia e circolarità: lavorare insieme per raggiungere gli obiettivi del Green Deal”.

 

Aprendo la sessione, Susanne Zänker, direttore generale dell’A.I.S.E., ha ricordato a tutti il ruolo critico del settore per la società, come la crisi di Covid ha dimostrato in modo così evidente. Ha sottolineato che l’industria è “concentrata nel rendere possibile la transizione verso la strategia di sostenibilità delle sostanze chimiche, utilizzando una scienza solida, evitando la sperimentazione animale, sfruttando l’agenda digitale e sostenendo un mercato unico più forte”. Ha anche evidenziato il track record e i risultati del Charter A.I.S.E. per la pulizia sostenibile, che, ha detto, può evolvere ulteriormente per guidare e servire i prossimi obiettivi del CEAP. 

 

Hans Ingels, capo unità – Bioeconomia, prodotti chimici e cosmetici alla DG GROW, si è concentrato sull’aggiornamento del regolamento sui detergenti, identificando cinque obiettivi chiave, vale a dire: fornire regole chiare e aggiornate per tutte le imprese interessate e per le organizzazioni di sorveglianza del mercato; chiarire il campo di applicazione e consentire l’inclusione di nuove pratiche e sviluppi del mercato; consentire una protezione ambientale potenzialmente migliore in alcuni settori; affrontare alcune sovrapposizioni; sostenere informazioni più chiare per i consumatori ed etichette più efficaci, ad esempio attraverso l’introduzione di etichettatura digitale. Ha detto che una proposta legislativa dovrebbe essere pronta entro novembre 2022 e ha chiesto il sostegno dell’industria. “Dipendiamo dal contributo dell’industria, delle organizzazioni di sorveglianza del mercato e delle organizzazioni dei consumatori per fare le cose per bene”, ha detto.

 

 Sylvain Chevassus, Chargé de mission Europe International, Ministero dell’Ambiente francese, ha condiviso le intuizioni dalla precoce introduzione in Francia di misure di economia circolare, e ha sottolineato che l’economia circolare sarà in cima all’agenda della prossima presidenza francese. Tuttavia, ha notato che a causa di alcuni ritardi, non sarà in grado di fare tanto quanto sperato: “Speriamo che la Commissione europea sia in grado di adottare le sue proposte, in particolare l’iniziativa sui prodotti sostenibili, entro marzo o aprile, in modo da poter iniziare a lavorare su di esse in Consiglio“. 

 

Emma Burlow, fondatrice di Lighthouse Sustainability, ha parlato delle dichiarazioni verdi contro il greenwashing e di come aiuta le aziende a cercare di colmare il divario tra valore e azione: “il divario tra ciò che diciamo di voler fare e ciò che effettivamente facciamo“.

 

 Eline Brugman, Direttore, Clima ed Energia, Deloitte Belgio, ha fatto una presentazione sui risultati del Charter per la pulizia sostenibile, che Deloitte assicura. In particolare ha sottolineato un chiaro disaccoppiamento delle emissioni di carbonio e dell’uso di energia dalla produzione: le emissioni di carbonio sono diminuite del 5

 

 Valérie Séjourné, direttore della comunicazione dell’A.I.S.E., ha condiviso un primo sguardo alle intuizioni chiave dell’ultimo studio sui consumatori dell’A.I.S.E., condotto questo autunno, per valutare l’efficacia dei loghi della Carta e informare i progressi verso la digitalizzazione delle informazioni ai consumatori. Tra i risultati sorprendenti, il 9

 È seguita una vivace tavola rotonda, moderata dal giornalista Peter Woodward, che ha raccolto le domande del pubblico e si è soffermata su come l’industria può dare il suo contributo agli obiettivi del Green Deal europeo e alla duplice transizione verde e digitale.

 

Mark Stalmans, direttore del Global Product Stewardship and Sustainability di P&G e presidente del Sustainability Steering Group di A.I.S.E., ha sottolineato che la Carta è in continua evoluzione per stare al passo con gli sviluppi e contribuire alla realizzazione del Green Deal europeo. “Speriamo di rinnovare la Carta insieme, in collaborazione con la Commissione europea e altre parti interessate, per sostenere ulteriormente il Green Deal“, ha detto.

 Ha anche concordato con la signora Burlow che troppa complessità sta causando confusione per i consumatori, sostenendo che migliorare le informazioni per i consumatori, sia sulla confezione che online, “è una delle più grandi sfide che abbiamo e deve essere fatto in modo molto armonizzato“. Ingels ha notato la pertinenza della discussione, sottolineando che l’agenda politica in corso significa che “l’anno prossimo dobbiamo decidere se e come introdurre l’etichettatura digitale“.

 

Nadia Viva, presidente dell’A.I.S.E., ha concluso il Forum, ringraziando tutti i relatori e i partecipanti e sottolineando che l’A.I.S.E. condivide pienamente gli obiettivi del Green Deal della Commissione:  “Riconosciamo il valore e condividiamo pienamente gli obiettivi della Commissione di rendere l’Europa il primo continente climaticamente neutrale del mondo. Siamo convinti che per raggiungere la nostra visione comune e portare i risultati desiderati, dobbiamo farlo bene. Questo significa, prima di tutto, usare una solida conoscenza scientifica come base per tutto il lavoro politico. Un’ulteriore collaborazione e un dialogo aperto tra la nostra industria e la Commissione europea saranno cruciali per permettere l’evoluzione del nostro collaudato schema della Carta verso la metodologia PEF (Product Environmental Footprint) e assicurare il miglior risultato per i consumatori e l’ambiente. Infine, l’innovazione sarà fondamentale. Per essere “adatti allo scopo”, avremo bisogno degli sforzi di fornitori, riciclatori e altri partner della catena del valore per reinventare soluzioni di pulizia e igiene efficaci e sostenibili per la nostra società e il pianeta”.