Print this article
- 10/06/2021

I tuoi capelli sanno cosa mangi e quanto costa il taglio che fa il tuo parrucchiere

Beauty Horizons IT

Millimetro dopo millimetro, i tuoi capelli agiscono come un registro accurato di tutto quello che noi mangiamo; poiché le ciocche di capelli sono costruite da aminoacidi che provengono dal cibo, conservano le tracce chimiche delle proteine di quel cibo.

 

Uno studio condotto da ricercatori dell’Università dello Utah ha scoperto che questo registro rivela una divergenza nella dieta secondo lo status socioeconomico (SES), con le aree a basso SES che mostrano proporzioni più elevate di proteine provenienti da animali alimentati a mais. È un modo, scrivono gli autori, per valutare la dieta di una comunità e i suoi rischi per la salute. Lo studio è pubblicato su Proceedings of the National Academy of Sciences.

“Queste informazioni possono essere usate per quantificare le tendenze della dieta in modi che i sondaggi non possono catturare”, dice l’illustre professore Jim Ehleringer, della Scuola di Scienze Biologiche della U. “Vorremmo che la comunità sanitaria cominciasse a valutare i modelli dietetici usando le indagini sugli isotopi dei capelli, specialmente tra i diversi gruppi economici negli Stati Uniti”.

Indizi isotopici A partire dagli anni ’90, Ehleringer, gli illustri professori Denise Dearing e Thure Cerling e i colleghi hanno iniziato a studiare i modi in cui le tracce della dieta dei mammiferi potevano riflettersi nei loro capelli. Diverse fonti di cibo hanno diversi rapporti di isotopi stabili, o atomi dello stesso elemento con pesi leggermente diversi. Quando il cibo si scompone in aminoacidi, gli isotopi presenti nel nostro cibo, compresi quelli del carbonio e dell’azoto, trovano la loro strada in tutte le parti del nostro corpo, compresi i nostri capelli.

L’acqua, che varia nei suoi rapporti di ossigeno e isotopi a seconda della località geografica, funziona allo stesso modo. Così, nel 2008, Ehleringer, Cerling e colleghi hanno pubblicato risultati che mostrano che la composizione isotopica dei capelli potrebbe tracciare i viaggi di una persona, in virtù degli isotopi presenti nell’acqua che beve. (Leggi come Gabe Bowen, professore della U e co-autore di questo documento, ha continuato questo lavoro nel 2019 durante un volo solitario di 10 giorni, attraverso il paese, per campionare gli isotopi dell’acqua).

“Abbiamo quindi iniziato a considerare ciò che potremmo imparare dagli isotopi di carbonio e azoto nei capelli”, dice Ehleringer. Per il bestiame allevato in operazioni di alimentazione animale concentrata, il mais che mangiano è incorporato nei loro tessuti. Il mais è in un gruppo di piante chiamate piante C4, che includono la canna da zucchero, e fotosintetizza diversamente dalle piante C3, un gruppo che include legumi e verdure. Quindi, se mangi proteine provenienti dal mais, gli aminoacidi che compongono i tuoi capelli avranno rapporti isotopici più simili a quelli del mais. Se le tue proteine provengono più da fonti vegetali o da animali che hanno mangiato piante C3, i tuoi capelli avranno una firma isotopica più simile alle piante C3. Questi sono i principi dell’analisi isotopica dei capelli, ma questo studio riguarda le applicazioni e per questo abbiamo bisogno di alcuni campioni di capelli.

Cosa sanno i capelli Per raccogliere i campioni, i ricercatori sono andati  nei negozi di barbiere e nei saloni di parrucchiere in 65 città degli Stati Uniti. Hanno anche raccolto campioni da 29 codici postali nella Salt Lake Valley per studiare intensamente una singola area urbana. I proprietari di barbieri e saloni erano favorevoli, dice Ehleringer. “Ci lasciavano andare al cestino della spazzatura e tiravano fuori una manciata o due di capelli, che poi smistavamo in cluster identificabili che rappresentavano gli individui”. Questa tecnica di campionamento era cieca, aggiunge, all’età dell’individuo, al sesso, al reddito, allo stato di salute o a qualsiasi altro fattore, tranne il record di isotopi. Tutti insieme, hanno raccolto campioni che rappresentano quasi 700 persone.

I risultati hanno mostrato variazioni nei rapporti isotopici dei capelli, sia a livello locale che nazionale, ma entro una gamma relativamente stretta. All’interno di questa variazione, i ricercatori hanno scoperto che i valori degli isotopi del carbonio erano correlati al costo della vita nei codici postali dove i campioni sono stati raccolti. Gli studi precedenti hanno fornito i valori isotopici attesi dalle estremità dello spettro della dieta, dai vegani agli onnivori dominati dalla carne.

I campioni raccolti nella Salt Lake Valley hanno offerto l’opportunità di esaminare più in dettaglio i fattori dietro la variazione isotopica. Sorprendentemente, gli isotopi di carbonio nei capelli erano correlati al prezzo del taglio di capelli nel luogo di campionamento. “Non avevamo immaginato che potesse essere possibile stimare il costo medio che un individuo aveva pagato per il suo taglio di capelli conoscendo i valori [degli isotopi di carbonio]”, hanno scritto gli autori.

E’ stato fatto un ulteriore passo avanti. Usando i dati della patente di guida per calcolare le tendenze dell’indice di massa corporea per particolari codici postali, gli autori hanno scoperto che i rapporti isotopici erano anche correlati ai tassi di obesità. Questo, scrivono, traccia potenziali connessioni tra dieta, SES e salute.

 

L’analisi degli isotopi dei capelli, dice Ehleringer, può essere uno strumento per valutare i rischi per la salute di una comunità. “Questa analisi non è influenzata dai ricordi personali, o dai ricordi errati, che si rifletterebbero nelle indagini sulla dieta”, dice. “Come misura integrata e a lungo termine della dieta di un individuo, la analisi degli isotopo dei capelli può essere utilizzata per comprendere le scelte alimentari tra diversi gruppi di età e diversi gruppi socioeconomici”.

 

www.attheu.utah.edu

www.pnas.org