Print this article
- 10/18/2021

L’amaranto AmaChol® di Nating: carrier funzionale e ingrediente nutraceutico

Nutra Horizons IT

 

In botanica l’amaranto è classificato come pseudo-cereale, visto che le sue caratteristiche principali lo rendono del tutto simile agli altri cereali; tuttavia, l’amaranto si distingue per la modalità di fissazione del carbonio, che lo rende particolarmente ricco in proteine (17

 

AmaChol® come carrier funzionale

Un impiego interessante è quello dell’amaranto nella formulazione di alimenti funzionali e di integratori. Questi ultimi, possono beneficiare delle proprietà del pseudocereale impiegato come carrier funzionale, in sostituzione delle maltodestrine tradizionalmente utilizzate. I vantaggi si riflettono sul prodotto finito, che acquisisce le proprietà benefiche del pseudocereale.

 

AmaChol® non utilizza solventi chimici di estrazione se non acqua, ha studi clinici in vitro, confrontato con le maltodestrine.

 

Attività ipocolesterolemizzante

Una delle proprietà dell’amaranto è la sua capacità di modulare i livelli sierici di colesterolo. Tra le diverse ipotesi formulate per giustificare il meccanismo d’azione vi è quella di un alto contenuto di acidi grassi insaturi, la presenza di fibra solubile e un profilo aminoacidico particolarmente completo. La presenza di sostanze fitochimiche quali tocotrienoli, fitosteroli, tocoferoli e squalene, è stata oggetto di studi per giustificare la proprietà ipocolesterolemizzante del pseudocereale.

 

Per valutare la capacità di AmaChol® rispetto alla maltodestrina di modulare l’assorbimento intestinale di colesterolo sono state utilizzate cellule di intestino tenue a cui è stato aggiunto un reagente analogo fluorescente del colesterolo.

I risultati ottenuti dalle prove sperimentali hanno dimostrato la capacità di AmaChol® di inibire significativamente (p<0,05) l’assorbimento intestinale dell’analogo fluorescente del colesterolo del 6

 

Azione sui livelli di zuccheri ematici

Una dieta ad alto indice glicemico porta ad un minor senso di sazietà, che può portare ad un’eccessiva ingestione di cibo, favorisce un aumento del peso corporeo, modifica il profilo lipidico e la secrezione di insulina e favorisce lo sviluppo di malattie cardiovascolari e diabete mellito. Il consumo di cibi a basso indice glicemico, viceversa, può abbassare la secrezione di ormoni proteolitici controregolatori dell’insulina come cortisolo, ormone della crescita e glucagone, stimolando la sintesi proteica.

 

AmaChol® è stato sottoposto a studi in vitro per la determinazione del glucosio libero dopo digestione enzimatica in confronto con la maltodestrina. La percentuale di riduzione di glucosio libero rilasciata durante la simulazione della digestione oro-gastro-duodenale è risultata pari al -2

 

In un secondo studio è stato valutato il rilascio di insulina da isole pancreatiche umane. Si osserva una significativa riduzione della secrezione insulinica da parte di AmaChol® (2,38±0,29 nM) rispetto alla maltodestrina (6,51±1,67 nM) corrispondente ad un’inibizione nel rilascio dell’ormone ipoglicemizzante del 63,

 

Conclusioni

Gli studi da letteratura sull’amaranto e i risultati degli studi Nating, dimostrano che AmaChol® potrebbe costituire un valido sostituto della maltodestrina in preparati nutraceutici in quanto in grado di inibire sia l’assorbimento di glucosio durante un pasto, che il conseguente rilascio di insulina. Il ridotto rilascio insulinico potrebbe rappresentare un vantaggio in soggetti con alterato metabolismo glucidico (prediabetici o diabetici di tipo 2) nei quali l’elevata glicemia ematica causa ipersecrezione insulinica, seguita da insulino-resistenza ed infine esaurimento delle cellule beta-pancreatiche a rilasciare l’ormone.

 

In aggiunta, la matrice permette l’assorbimento di importanti sostanze antiossidanti come i polifenoli con ulteriore beneficio a carico dell’apparato cardio-circolatorio spesso compromesso in soggetti diabetici di tipo 2 o affetti da sindrome metabolica. AmaChol® risulta efficace anche nell’inibire l’assorbimento intestinale di colesterolo.

 

Sito web: www.natingitalia.it

Autore Dr.ssa Anna Carlin